Cover Story

Cover Story. Blur e Gorillaz, tra pop e indie

Blur, Blur: The Best Of (Food/Virgin/Parlophone, 2000)
Blur, Blur: The Best Of (Food/Virgin/Parlophone, 2000)

La cover a scacchiera con i volti della band è un classico per i quartetti inglesi (e non solo), dai Beatles (Let It Be), ai Queen (Hot Space), fino ai Blur, che l’hanno usata per il loro Blur: The Best Of (2000). L’autore dei ritratti è il compatriota Julian Opie, famoso per le sue silhouette poppeggianti. In senso orario, partendo da quello in alto a sinistra: Graham Coxon (chitarra); Alex James (basso); Dave Rowntree (batteria); Damon Albarn (voce).

Le immagini sono create digitalmente da quattro fotografie, ripulite fino a lasciare solo l’essenziale, una lineetta curva per bocca e sopracciglia e due puntini per gli occhi. Ce ne sono più versioni, su tela e a stampa (una serie fa parte della collezione permanente della National Portrait Gallery di Londra).

Gorillaz, Demon Days (Parlophone, 2005)
Gorillaz, Demon Days (Parlophone, 2005)

La cover a scacchiera ricompare nel 2005 su Demon Days, secondo album dei Gorillaz, side project di Albarn assieme al fumettista indie Jamie Hewlett (creatore di Tank Girl): il primo si occupa della musica, l’altro delle animazioni e dei disegni. Già, perché i Gorillaz sono una band virtuale, composta da personaggi fittizi a fumetti e cartoni. Un altro quartetto. Di nuovo, in senso orario: Murdoc Niccals (basso); 2D (alterego di Albarn; voce); Russel Hobbs (percussioni); Noodle (chitarra).

Blur, Think Tank (Parlophone, 2003)
Blur, Think Tank (Parlophone, 2003)

A proposito di Tank… C’è un altro album dei Blur, Think Tank (2003), che usa un’immagine di un’altra icona underground (ma ormai anche molto pop), il graffitaro e attivista Banksy – mi raccomando: non Bansky, come dicono in tanti, anche tra gli addetti ai lavori – che ha scelto una delle sue tipiche immagini a spray e stencil, raffigurante un uomo e una donna con caschi da palombaro stretti in un abbraccio. Un esplicito messaggio contro la guerra in Iraq iniziata proprio quell’anno, col Regno Unito tra i paesi della coalizione (di cui parla anche il video del singolo Out of Time).

Stefano Ferrari

Related posts

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy | Chiudi