Festival

DRODESERA, live-art alla Centrale Fies di Dro

Torna anche quest’anno, alla Centrale Idroelettrica di Fies a Dro, in provincia di Trento, il festival Drodesera, alla sua trentacinquesima edizione, dal titolo MOTHERLODE. Tra performance, danza, teatro e arti visive, il festival riunisce importanti esponenti della live art contemporanea di livello internazionale.

MOTHERLODE (vena madre) “intende farsi dispositivo generatore di connessioni dove la pratica del re-enactment non si esaurisce nell’atto di rievocare, ma genera forme temporanee di realtà, restituendo azioni, parole ed elementi destinati ad un’assenza o a una lateralità e rendendoli utili ad una azione quotidiana, all’oggi”.

Centrale Fies
Centrale Fies

Il giorno dell’opening – domenica 26 luglio – si è svolta l’inaugurazione della mostra collettiva (aperta tutti i giorni dalle 19 alle 24) The Abandoned Mines presso la Galleria Trasformatori, dedicata a una riflessione inedita sulla conservazione della performance, con protagonisti Augustas Serapinas (LT), Curandi Katz e Mark Cetilia (IT/CA), Curt Steckel (US), David Bernstein e Rosa Sijben (US), Ingrid Hora (IT), Jacopo Candotti (IT), Luca Francesconi (IT), Tom Burr (US).

Il festival prosegue fino a domenica 2 agosto, secondo una duplice programmazione corrispondente ai due filoni principali che animano l’attività, centrata sui linguaggi del contemporaneo, di Centrale Fies.

Jérôme Bel
Jérôme Bel

Da lunedì 27 a mercoledì 29, il festival presenta la terza edizione di Live Works Performance Act Award, il premio internazionale per artisti ideato da Centrale Fies e ViaFarini, che quest’anno hanno selezionato tramite bando nove progetti per un periodo di residenza negli spazi della Centrale tenutosi a inizio luglio. Questi i nomi degli autori: Robert B. Lisek (PL), Simon Asencio (FR), Vanja Smiljanic (RS), Roberto Fassone (IT), Diego Tonus (IT), Justin Randolph Thompson (US), Styrmir Örn Guðmundsson (IS), Jazra Khaleed, Timos Alexandropoulos e Antonis Kalagkatis (CE/GR), GDSF Gregory Dapra e Stefano Faoro (IT/BE).

I progetti saranno mostrati nella forma definitiva al pubblico e alla Giuria Internazionale del Premio (presieduta da Michelangelo Pistoletto e composta da Nico Vascellari, Danjel Andersson, Marwa Arsanios, Dora Garcìa), che decreterà il vincitore assegnandogli un premio in denaro ed un ulteriore supporto tecnico/logistico.

Nei tre giorni di Live Works, saranno ospiti speciali Jérôme Bel (FR), Santiago Sierra (ES) e Alessandro Sciarroni (IT).

Fanny&Alexander
Fanny&Alexander

Dal 30 luglio al 1 agosto invece sarà dato ampio spazio alla programmazione “classica” del festival, con alcuni dei migliori artisti attivi nel campo della performance e della danza in Italia – Compagnia Abbondanza/Bertoni, Cosmesi, OHT office for a human theatre, Curandi Katz, Fanny & Alexander, Motus Mali Weil, Mara Cassiani, Marta Cuscunà Teatro Sotterraneo, Matteo Angius e Riccardo Festa) –  e nel mondo – France Distraction (FR/BE), Navaridas & Deutinger (ES/AT), Alma Söderberg & Hendrik Willekens (SE/BE), Philippe Quesne (FR), Roger Bernat (ES).

France Distraction
France Distraction

L’ultima giornata sarà rappresentata dall’Open Studio applicato al contesto performativo e teatrale: i protagonisti Marta Cuscunà, Mara Cassiani, Hannes Egger, AngiUsFestA e Filippo Andreatta apriranno infatti al pubblico le porte dei propri “laboratori creativi”.

Mara Cassiani
Mara Cassiani

Scarica qui il programma completo e le informazioni sui biglietti d’ingresso. Eventuali variazioni saranno tempestivamente comunicate sul sito di Centrale Fies.

 

Related posts

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy | Chiudi