Cinema

Ex machina. L’intelligenza artifıciale ai tempi di Google

La scena del primo incontro tra la robottina Ava e il timido Caleb è già nella storia della fantascienza. Ecco che compare: braccia, gambe e addome sono trasparenti e innervati di circuiti luminosi; mani e piedi, invece, sono perfette imitazioni umane; la faccia è di una ragazza di vent’anni. E con che grazia si muove!
Pare una ballerina classica e quando sorride ti dimentichi che è una macchina. Il povero Caleb se ne innamora al primo sguardo. Non è la prima volta che al cinema vediamo un uomo in carne e ossa perdere la testa per una donna artificiale. Ma è certamente la prima volta che vediamo un androide come Ava. Che è una novità, ce lo dice già il suo nome: Ava come Eva, la prima donna del mito biblico. Il suo papà è Nathan Bateman, l’eccentrico creatore di Blue Book (leggi Google), il più potente motore di ricerca di Internet. Ecco: il software che gira nel cervello di Ava – che è fatto di gel: wetware, non hardware – è manco a dirlo proprio Blue Book, modello perfetto e a portata di mano non solo di cosa pensa l’uomo d’oggi, ma anche di come pensa. E le espressioni facciali e vocali? Semplice: Nathan si è intrufolato negli smartphone di milioni di utenti, tutti ormai dotati di videocamere e microfoni, ha reindirizzato i dati a Blue Book e voilà: ecco a disposizione una fonte illimitata di volti e suoni. Insomma: Ava è Nathan, è Caleb, è me, te, tutti noi assieme scaricati in una macchina (…). Ex Machina è il miglior film di fantascienza uscito dopo Lei di Spike Jonze e senza dubbio la miglior sceneggiatura originale di Alex Garland (…).

Stefano Ferrarı

D’ARS anno 55/n. 221/autunno 2015 (incipit dell’articolo)

Acquista l’ebook dell’intero numero in formato eBook

Related posts

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy | Chiudi