Dall'archivio D'ARS

Reperti Arteologici #12 – Su D’ARS nel 1967: Jean Tinguely a Milano

Jean Tinguely a Milano. Articolo di Oscar Signorini dedicato alla mostra di Tinguely alla Iolas di Milano

A sinistra Alexandre Iolas, Niki de Saint-Phalle e Jean Tinguely durante l’inaugurazione della mostra personale di Tinguely alla nuova galleria Iolas di Milano. A destra: “Eos VIII” di Tinguely (ph. G. C. D’Ars Agency, Milano)

Jean aveva umanizzato i metalli rendendoli consapevoli di movimenti che generalmente non fanno ad uso operativo per gli uomini o per servire come noi sappiamo (…) L’aspetto a prima vista è quasi anarchico, ma non sono guerrieri nè operatori crudeli, non assaltano, non accusano; i loro gesti, compilati forse in opposizione ad un programma elettronico, sono semplici e forse simbolici, e se vogliamo convenzionali o in un nuovo Morse. (…) Un atto dunque simbolico quale mezzo e quale ammonimento di una virtù esistente che tante volte, per una nostra poca meditazione, può divenire la parte oscura di un’Ecate paurosa o un mito di quella solenne apoteosi che l’uomo percorre.

Qualcuno mi disse che da quelle macchine aveva sentito l’inno del lavoro, altri un monologo di Riccardo David, altri un rapporto fra ideologia e lotta di classe.

Oscar Signorini

D’ARS n. 5  anno VII-VIII .  ottobre 1966/gennaio 1967, pag. 98-101

A cura di Cristina Trivellin

Related posts

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy | Chiudi