Dall'archivio D'ARS

Reperti Arteologici #8 – Pino Pascali

pascali
Pascali fotografato nella sua sala alla Biennale di Venezia (Giugno 1968) ph. G.C. D’Ars. D’ARS n. 41-42 anno IX . giugno/ottobre 1968, pag. 150-151.

““Ludens” o “faber”? Pascali ha fatto la scelta giusta. Gioca, ma non nel senso di Schiller né di Huitzinga: gioca perché il gioco degli adulti seri, il gioco della società dei consumi, gli fa pena e rabbia. E oltre un certo limite il gioco diventa insopportabile: quando il ragazzo si scatena e si mette a sforbiciare il tappeto del salotto per farsi un mantello da pellirossa: il nemico della società degli adulti non è il bambino, è il ragazzo nell’età ingrata, che non crede più al gioco e non può fare a meno di giocare. Ragazzo terribile, Pascali gioca per dispetto e scaccia la vergogna esagerando… (…)

(…) Ebbene, nella fiera dei consumi, il ragazzo terribile comincia col divertirsi e finisce con l’irritarsi: e per dispetto inventa l’antinvenzione, l’invenzione “boomerang” che torna al punto di partenza, il ponte di lana di acciaio, il bruco di spazzole . ”

Palma Bucarelli
(Dalla presentazione scritta per Pino Pascali, recentemente scomparso, pubblicata nel catalogo della Biennale di Venezia 1968)

Articolo pubblicato su D’ARS n. 41-42  anno IX .  giugno/ottobre  1968, pag. 150-151.

A cura di Cristina Trivellin

Related posts

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy | Chiudi