Eventi

Sam Durant. Propaganda of the Deed. I protagonisti dell’azione anarchica.

Propaganda-of-the-Deed-0011

Il Comune di Carrara e l’Associazione culturale Ars GratiaArtis presentano la mostra personale dell’artista statunitense Sam Durant (Seattle 1961) prodotta nel 2011 da Franco SoffiantinoContemporary Art Productions e realizzata presso Telara Studio d’Arte di Carrara.
La mostra presenta il progetto Propaganda of the deed (in italiano Propaganda col fatto) e si riferisce alla storia del Movimento Anarchico a cavallo tra XIX e XX secolo. Frutto del fascino che la città di Carrara ha esercitato sull’artista Sam Durant dopo la sua partecipazione alla XIV Biennale di Scultura di Carrara nel 2010, in questa occasione l’artista ha avuto modo di approfondire la conoscenza dei laboratori artigiani, delle segherie e della storia di questa città, in cui l’estrazione del marmo è legata in modo imprescindibile alla storia del movimento anarchico.

Sam Durant, Propaganda of the Deed
Black Flag, Unfinished Marble (Marie-Luise Berneri). Marmo di Carrara. (busto), 45 cm x 28 cm x 23 cm); 2011. Courtesy Franco Soffiantino Contemporary Art Productions, Torino. Photo courtesy Stefano Lanzardo

A Carrara hanno avuto i natali importanti esponenti del movimento nazionale e internazionale, uno fra tutti, Gino Lucetti, noto per il fallito attentato a Mussolini. Anche Renzo Novatore (di Arcola), poeta futurista ed esponente di punta della frangia individualista del movimento nella provincia della Spezia. Sono loro, assieme ad altri importanti personalità quali Errico Malatesta, Carlo Cafiero, Francesco Saverio Merlino, Marie Louise Berneri i protagonisti del lavoro di Durant che, dopo essere stato esposto in importanti musei e rassegne d’arte internazionali, torna a Carrara alle sue origini.

Sam Durant, Propaganda of the Deed
Black Flag, Unfinished Marble (Gino Lucetti). Marmo di Carrara. (busto) 45 cm x 28 cm x 20 cm); 2011. Courtesy Franco Soffiantino Contemporary Art Productions, Torino. Photo courtesy Stefano Lanzardo

Volutamente non finiti, i busti  rappresentano il tentativo volutamente mancato di storicizzare i fatti all’interno di un pensiero –  l’utopia del pensiero anarchico – collocabile in una dimensione atemporale, ma mettono anche in luce l’incredibile attualità di un pensiero che oggi più che mai sembra offrire spunti interessanti. Ci troviamo davanti ad una serie di monumenti interrotti nel suo realizzarsi. Monumenti mancati. Questi sono ritratti che definirei “senza posa” perché non riescono a compiersi, a racchiudere nella forma i confini di qualcosa ancora in divenire: l’ideale utopico che va oltre i fatti storici.

Sam Durant, Propaganda of the Deed
Black Powder (there are some who say)
Black Powder (out action must be permanent rebellion)
Black Powder ( it is not a matter of achieving anarchy today)
Marmo di Carrara. Dimensioni: 34 cm x 53 cm x 30 cm; 2011. Courtesy Franco Soffiantino Contemporary Art Productions, Torino. Photo courtesy Stefano Lanzardo

La tappa carrarese di queste opere rilegge,  per la prima volta, le vite e i pensieri dei personaggi ritratti contestualizzando la produzione di Sam Durant nell’attualità dell’utilizzo del marmo in arte contemporanea. È infatti dedicata una sala all’installazione esatta del laboratorio di scultura Telara Studio d’Arte così come si è conservata durante e dopo la lavorazione delle opere di Durant. Si possono inoltre consultare documenti e testi scritti dei e sui protagonisti scelti da Sam Durant, fonti dirette che permettono di avvicinarsi al pensiero ma anche alle vite di questi ritratti

Federica Forti

Sam Durant
Propaganda of the Deed. I protagonisti dell’azione anarchica.
a cura di Federica Forti
19 ottobre – 25 novembre
Carrara, Centro Arti Plastiche

 

ABBONATI A D’ARS

copertina D'ARS 214

Related posts

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy | Chiudi