Urban art

Street artist portoghesi a Roma per il progetto Forgotten: arriva Bordalo II

Forgotten è un progetto di Urban art che vuole concentrare l’attenzione del pubblico su alcuni edifici della città di Roma – dimenticati o dal futuro incerto, avendo via via perso la propria importanza sociologica e architettonica – grazie al coinvolgimento di cinque artisti portoghesi. Promosso dal MACRo, è patrocinato dall’Ambasciata del Portogallo, dalla Casa dell’Architettura di Roma e dall’Assessorato al Comune di Roma e dal Municipio XIII.

Forgotten è in pieno work in progress, infatti nei mesi scorsi hanno già realizzato i propri interventi murali i primi due artisti invitati, Add Fuel e Frederico Draw.

Add Fuel
Add Fuel, This connection, Piazza della Marina, Roma, 2015

Il primo lavoro, realizzato a settembre 2015 su un edificio parte di un’area in dismissione da diversi anni, si trova in Piazza della Marina, nei pressi di Piazza del Popolo: Add Fuel, con stencil e bomboletta, ha costruito, attraverso l’opera This connection, un dialogo tra l’azulejo – la tradizionale ceramica portoghese – e le medievali ornamentazioni cosmatesche caratteristiche dei marmorari romani di quel tempo, per ricordare allo spettatore cos’era quel muro prima che l’arte modificasse lo scenario urbano.

Frederico Draw
Frederico Draw, ex fabbrica Mira Lanza, Roma, 2015

Il secondo intervento, tra ottobre e novembre 2015, ha invece coinvolto un affascinante edificio di archeologia industriale, l’ex fabbrica Mira Lanza, dove Frederico Draw ha realizzato un ritratto di Pier Paolo Pasolini. La scelta del soggetto non è stata casuale, ma suggerita da una proposta di spettacoli, dedicata in quel periodo proprio a Pasolini, da parte del Teatro India, stanziato in questa ex area industriale dal 1999.

Bordalo II, courtesy Forgotten
Bordalo II, courtesy Forgotten
Bordalo II
Bordalo II, courtesy Forgotten

Ora, dal 18 gennaio, l’artista Bordalo II sarà a Roma per circa una settimana, per realizzare una delle sue caratteristiche creature con materiali di scarto, come biciclette rotte, pezzi di auto e pneumatici. L’intervento è programmato presso la stazione San Pietro, dalla quale parte la linea ferroviaria internazionale più corta del mondo, la “San Pietro – Città del Vaticano”. Il lavoro racconterà la profonda metamorfosi delle aree urbane, affrontando il tema delle stazioni del trasporto metropolitano di superficie, per rimarcarne non solo l’importanza storica, ma anche le potenzialità future in quanto valida alternativa al trasporto pubblico di gomma. Nei pressi dell’ingresso della stazione, Bordalo II trasformerà i rifiuti urbani in un grande bassorilievo raffigurando uno dei suoi colorati animali, minacciati da una realtà urbana sempre più ingombrante.

Bordalo II, courtesy Forgotten
Bordalo II, courtesy Forgotten

Per finire, un’anticipazione: gli ultimi due artisti portoghesi prossimamente coinvolti saranno MaisMenos e Daniel Eime, le cui location sono ancora misteriose.

Related posts

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy | Chiudi