Eventi

AL VIA LE PRIME TAPPE DI MEMORIE URBANE

Come anticipato nelle scorse settimane, giovedi 3 aprile sono iniziati i primi interventi di Memorie Urbane 2014 , la terza edizione del festival di street art nato dal progetto di Davide Rossillo e a cura di Turismo Creativo.

David de La Mano_Gaeta_Foto Flavia Fiengo
David de La Mano_Gaeta_Foto Flavia Fiengo

Le città protagoniste di quest’anno sono Gaeta, Terracina, Itri , Fondi, Arce e il capoluogo Latina. Tra i 22 artisti provenienti dalla scena della street art mondiale, lavoreranno per la prima volta in Italia: Alexsey Luka (Russia), Anders Gjennestad/Strok (Norvegia), David de La Mano (Spagna), Eime (Portogallo), Etam cru (Polonia), Ernest Zacherevic (Lituania), Levalet (Francia), Martin Whatson (Norvegia), Natalia Rak (Polonia), Pablo Herrero (Spagna), Seth (Francia); e poi Aloha Oe (Italia), E1000 (Spagna), Etnik (Italia), ICKS (Italia), Millo (Italia) e Nelio (Francia), alcuni dei quali hanno già lavorato a INAttesa-the art at bus stop trasformando le pensiline degli autobus in opere d’arte. Dopo aver partecipato alle passate edizioni, tornano a Memorie Urbane: Agostino Iacurci (Italia), Alice Pasquini (Italia), Borondo (Spagna), Hyuro (Argentina), MP5 (Italia).

David de La Mano_Gaeta_Foto Flavia Fiengo
David de La Mano_Gaeta_Foto Flavia Fiengo

Il festival è stato inaugurato a Gaeta, ad opera degli artisti spagnoli Davide de La Mano, E1000 e Pablo Herrero, che hanno lavorato nella zona colle e cimitero, per poi proseguire, dall’8 aprile, nei cantieri di via Napoli e via Badino a Terracina.  David de la Mano realizza una pittura murale a figure nere su parete chiara, a partire dalla rielaborazione di figure archetipiche: l’uomo stilizzato e primitivo, con le gambe di radici, si unisce agli altri per formare comunità, affrontare sfide ed occupare il pianeta. E1000, artista eclettico che spazia tra geometria, astrattismo 3d e scultura, collabora qui con Pablo Herrero, il cui linguaggio parte da una stilizzazione dell’albero, ricondotto ad una continuità tra apparato aereo e radici, in cui il fusto rappresenta solo un elemento transitorio, come se assorbire (sole, luce) e succhiare (sostanze nutritive) siano le uniche attività degne di nota. Herrero, nel suo confronto costruttivo con e1000, lavora con il segno come con una forza vitale, che consente ai rami, ad esempio, di seguire colorate forme geometriche.

Pablo Herrero+E1000_Gaeta_Foto Flavia Fiengo
Pablo Herrero+E1000_Gaeta_Foto Flavia Fiengo

Martedì 8 aprile, è arrivato, per la prima volta in Italia, Martin Whatson dalla Norvegia, che inizierà il proprio percorso creativo dai muri di piazza Neghelli a Latina.

Ecco tutte le date:
02 – 07 aprile: e1000 + david de la mano + pablo herrero – Gaeta
08 – 12 aprile: e1000 + david de la mano + pablo herrero – Terracina
08 – 13 aprile: martin whatson – Gaeta / Terracina / Latina
12 – 15 aprile: ernest zacherevic – Gaeta / Terracina / Latina
11 – 18 aprile: mp5 – Gaeta
11 – 15 aprile: etnik – Fondi
15 – 19 aprile: etnik – Latina
16 – 25 aprile: millo – Fondi
25 aprile – 02 maggio: aloha oe – Latina
27 aprile – 02 maggio: alice pasquini – Terracina Borgo Hermada
02 – 06 maggio: eime – Terracina
05 – 10 maggio: agostino iacurci – Terracina
06 – 10 maggio: hyuro – Gaeta
07 – 12 maggio: eime – Gaeta
08 – 14 maggio: seth – Gaeta
09– 14 maggio: alexey luka – Terracina
11 – 15 maggio: agostino Iacurci – Itri
11 – 12 maggio hyuro – Arce
14– 19 maggio: alexey luka – Arce
14– 21 maggio: natalia rak – Terracina
14– 21 maggio: etam cru – Gaeta
16– 24 maggio: nelio – Latina
16– 18 maggio: levalet – Gaeta / Terracina / Latina
18– 24 giugno: anders gjennstad strok – Gaeta
15– 24 luglio: borondo – Terracina

Eventuali variazioni su: www.memorieurbane.it

Pablo Herrero+E1000_Gaeta_Foto Flavia Fiengo
Pablo Herrero+E1000_Gaeta_Foto Flavia Fiengo

Valentina Tovaglia

 

ABBONATI A D’ARS
cop

Related posts