Dall'archivio D'ARS

Dall’archivio di D’ARS, Reperto arteologico #1: Yayoi Kusama, 1966

D’ARS esce ininterrottamente dal 1960: “farsi un giro” nell’archivio della rivista cartacea è un viaggio straordinario nel cuore pulsante del mondo dell’arte e della cultura degli ultimi decenni del ‘900, soprattutto nel fermento che ispirava e animava gli anni ’60. Per questo invitiamo i lettori a salire sulla nostra macchina del tempo e scovare con noi avvincenti reperti “arteologici” come questo, scritto per la sezione Autografi  da Yayoi Kusama, in occasione della sua mostra alla galleria Naviglio 2 di Milano, dal 26 gennaio al 9 febbraio 1966.

Pagina 82 di D'ARS, testo di Yayoi Kusama.

Pagina 82 di D’ARS n.5 del 1966, testo di Yayoi Kusama. Immagine: Yayoi Kusama, “Infinity Mirror room” ottobre 1965, New York (mostra alla Castellane Gallery)

La mia “scultura di aggregazione” (Aggregation Sculpture) è lo sviluppo logico di tutto ciò che ho fatto da quando ero piccola. Sorge da un’imperiosa costruzione intima a realizzare in forme visibili un’immagine che si ripete in me stessa. Quando questa immagine si libera, non ha più limiti di spazio e di tempo. (…)

Yayoi Kusama
in D’ARS, n.5, anno VI
Pagina 82, rubrica AUTOGRAFI
20.XII.1965 – 10.III.1966
Direttore Oscar Signorini

a cura di Cristina Trivellin, direttrice D’ARS

Related posts