Arche-T(r)ips

L’Ariete Errante * 1

ariete
Dai Pesci all’Ariete, il salto è quello da un romanticismo incantato al sogno cavalleresco di nobili azioni, battaglie, conquiste e gloria. Dal liquido amniotico nettuniano eccoci catapultati alla vita soli, con luci mai viste prima puntate addosso, rumori sconosciuti, facce e mani estranee che ci toccano a destra e a sinistra e ancora pochissimi mezzi, se non il pianto, calci e pugni tirati all’aria, per farci comprendere. È il vero inizio. L’Ariete, simbolicamente legato alla prima casa astrologica, è il segno della nascita. Venuti al mondo, dopo aver lottato con tutte le nostre forze per uscire dall’acqua, abbiamo sperimentato lo sforzo fisico, la potenza della nostra resistenza, la capacità di sfondamento della nostra testolina e una personale modalità di presentarci al mondo. In poche parole il nostro Marte, il nostro Plutone e il nostro Sole: i vitalissimi ingredienti dell’Ariete.

Altrimenti chiamato cavaliere del Sole Marte – signore del segno – ci parla di autoaffermazione, di messa in campo della nostra energia per incidere la realtà circostante, utilizzando le armi di difesa e offesa a disposizione per conquistare ciò di cui abbiamo bisogno per sopravvivere, vivere e realizzarci. Gli Arieti agiscono. Balzati fuori dal grembo protettivo devono combattere, ritagliarsi il loro spazio di visibilità e dare inizio alla propria impresa personale. Il cerchietto con la freccia che spunta in alto a destra è il simbolo di Marte e da questo possiamo ben capire quanto l’Ariete sia un concentrato di energie maschili impulsive, estroverse, spontanee, guerreggianti e instancabili che con velocità compulsiva proiettano i nostri amici zodiacali sul palcoscenico della vita carichi di slancio ed entusiasmo ma totalmente privi di nozioni sul come e dove dirigere la propria freccia.

I piccoli Arieti sono impauriti, instabili, per questo appaiono spesso aggressivi e iper-reattivi. Il loro compito è arduo! Devono dare il via, cominciare, aprire il varco e tutto questo senza che nessuno li abbia istruiti sui pericoli, le prove e la responsabilità del loro viaggio. Se li vedremo goffamente incendiarsi di qua e di là per poi spegnersi velocemente e buttarsi a capofitto in nuove attività, non stupiamocene, sono prove tecniche che permettono agli Arieti di testare le proprie reazioni, correggendo in futuro il tiro per integrare le doti di ascolto, accoglienza e disciplina che non rientrano nel kit di sopravvivenza iniziale.

È proprio attraverso lo scontro che l’Ariete cerca disperatamente e incessantemente la relazione e chi gliela insegni: un maestro, un amante, un capo… È inesperto, traballante, forse un po’ grezzo ma sincero, coraggioso e di cuore e il viaggio dell’Ariete, errante in tutti sensi, servirà a mantenere vivo il fuoco creativo e visionario che lo anima per intraprendere e ispirare al mondo le più grandi ed eroiche imprese perché, una volta irrobustiti muscoli e volontà, si metterà a capo delle più giuste e generose cause.

Viola Lilith Russi

Related posts