Dall'archivio D'ARS

Reperti Arteologici #11 – Su D’ARS nel 1966: Max Ernst a Palazzo Grassi

max ernst
A sinistra: Max Ernst, Il Museo dell’Uomo, 1965,  scultura in pietra- Sopra: veduta di Palazzo Grassi,  allora sede del Centro Internazionale delle Arti e del Costume. in alto: ritratto di Max Ernst

Max Ernst: oltre la pittura. Articolo di Franco Russoli dedicato alla mostra di Max Ernst a Palazzo Grassi.

Alla Biennale, nella bella mostra di Boccioni curata da Guido Ballo, Max Ernst guarda i disegni per il ciclo degli “Stati d’animo”: li riconosce, li ricorda perfettamente nei particolari, le composizioni, le lettere e cifre inserite nell’immagine, e ritrova l’emozione e le rivelazione che ne ebbe al primo incontro, in Germania, nel 1912, quando Walden portò la mostra dei Futuristi. (…)

D’ARS n. 3-4  anno VII.  giugno/ottobre  1966, pag. 83-89

A cura di Cristina Trivellin

 

 

 

Related posts