Festival

OUTDOOR Urban Art Festival 2014 a Roma

È iniziata a Roma la quinta edizione di OUTDOOR Urban Art Festival, progetto di NUfactory,  che quest’anno affronta un importante cambiamento di location, sostenuto dal dinamico slogan Moving Forward: non più il quartiere Ostiense, ma quello di San Lorenzo. In particolare si tratta dello spazio dell’ex Dogana di Roma, un tempo colonna portante dell’attività economica della zona, riaperta al pubblico dopo quattro anni e rigeneratasi ora attraverso l’arte. E soprattutto, non più interventi esterni, ma 5000 mq di spazi chiusi, contraddicendo, a dire la verità, l’idea di spazio “all’aperto” espressa dal titolo stesso della manifestazione. Giusto ricordare tuttavia come la curatrice Antonella Di Lullo ci tenga a sottolineare che “l’OUT del festival non designa uno spazio reale” come anche nelle edizioni precedenti.

Faith47, foto: Matteo Armellini
Faith47, foto: Matteo Armellini

L’idea è quella di contestualizzare l’intervento artistico all’interno di un unico percorso, assegnato a 14 street artist provenienti da 7 nazioni differenti – oltre all’Italia, Francia, Giappone, Grecia, Norvegia, Sud Africa e USA – che si sono così confrontati con un ambiente che, nonostante sia composto da enormi stanze, risulta essere antitetico alla strada, in quanto stretto tra quattro mura e illuminato per lo più dalla luce artificiale. Tutti racchiusi in “un luogo enorme, che per la sua grandezza fa perdere i normali riferimenti spaziali, che non deve spaventare ma essere parte integrante del tutto” – spiega la curatrice del festival. “Nessuna antitesi tra contenitore e contenuto, quanto piuttosto una perfetta coincidenza e sovrapposizione in cui l’arte esprime tutto il suo carico estetico, i suoi gesti impulsivi, emozionali, geniali e sempre diversi”.

Laurina Paperina, foto: Matteo Armellini
Laurina Paperina, foto: Matteo Armellini

L’edizione 2014 offre un variegato insieme di artisti, distribuiti nei diversi padiglioni: JB Rock, Laurina Paperina, Brus, Ike, Tnec, Hoek, Galo e Davide Dormino (Italia), Thomas Canto (Francia), Blaqk (Grecia), Lady Aiko (Giappone), DOT DOT DOT (Norvegia), Faith47 e Jack Fox (Sudafrica), Buff Monster (USA).

Lady Aiko, foto: Matteo Armellini
Lady Aiko, foto: Matteo Armellini

Si passa dalla ripetizione marcata del segno di JB Rock all’ironia che ci trasmettono i personaggi dell’immaginario infantile di Laurina Paperina e quelli di Buff Monster, dall’universo astratto di Thomas Canto all’incontro di forme geometriche e calligrafiche del duo Blaqk. Incontriamo poi Lady Aiko (che nel 2008 ha collaborato con Banksy, facendo la parte di una turista giapponese e scattando foto all’artista mentre esegue delle installazioni non autorizzate al MoMa, al Brooklyn Museum, al Museo di storia naturale e al Metropolitan), che unisce – in opere che rappresentano la femminilità e l’energia positiva della vita – la cultura asiatica a quella occidentale, mentre, restando sul piano delle street artist donne, appare più delicata la ricerca estetica di Faith47, che esprime la complessità della condizione umana. Troviamo ancora i celebri loghi utilizzati da Dot Dot Dot per comporre la scritta street art, l’installazione materica di Davide Dornino, l’invasione dei personaggi di Galo, lo studio del lettering di Tnec, la ricerca estetica del giovane Jack Fox, il dialogo tra Brus, Ike e Hoek.

Buff Monster, foto: Matteo Armellini
Buff Monster, foto: Matteo Armellini

Ogni weekend sarà possibile visitare lo spazio, prenotare visite guidate, assistere a concerti realizzati in collaborazione con le realtà più attive della scena musicale capitolina e degustare street food da tutto il mondo. Inoltre, grazie alla collaborazione con il Google Cultural Institute, la Dogana resterà visibile al pubblico attraverso dei tour virtuali fruibili dalla piattaforma on line Street Art Rome: www.google.com/culturalinstitute/collection/street-art-rome.

 

DOT DOT DOT, foto: Matteo Armellini
DOT DOT DOT, foto: Matteo Armellini

Valentina Tovaglia

 

OUTDOOR Urban Art Festival 2014
La Dogana, Scalo San Lorenzo – Roma
25 ottobre – 22 novembre 2014
aperto dal venerdì alla domenica
ingresso 3/5 euro*

*Il primo ingresso è a pagamento, i successivi sono gratuiti (la registrazione non dà diritto all’entrata gratuita nei giorni in cui ci sono eventi in calendario dopo le ore 18 e per cui è previsto il pagamento di un biglietto d’ingresso integrativo).

Related posts